fbpx

Annunaki e demoni.

Prima che il Cristianesimo inventasse l’essere identificato come demonio, si parlava di demoni?

Si, già ai tempi degli Annunaki queste entità esistevano, ma non erano i demoni o il Satana della Bibbia che tutti conosciamo, facciamo un pò di chiarezza.

Il  personaggio che raffigura da sempre il male per eccellenza abbiamo appena detto è il Satana biblico, ma  il termine Satana (ebraico: שָׂטָן, Satàn),significa “avversario” ed è un vocabolo con il quale si definisce una funzione precisa, quella di “avversario” colui che si oppone, il termine deriva  dal sumero ša-tām, attraverso il babilonese Šatām dal quale šatān, šatāmu, šatāmmu indicanti “controllore e capo di una amministrazione”, poi  divenne nome di una divinità.

Quindi il termine Satana è un termine con il quale si definisce una funzione precisa, il fatto stesso che sia spesso preceduto dall’articolo,documenta oltre ogni dubbio che non si tratta di un nome proprio attribuito a un individuo,ma indica uno status o un compito come detto quello di antagonista.

Identificare  Satana come  il signore degli  inferi è una storpiatura teologica che è presumibile dal raffigurare il sovrano sumero Enki che risiedeva nell’ Abzu , territorio localizzato nell’Africa sud-orientale.

Dalla parola Abzu che in sumero  significa “della bassa-sotto-inferiore”, ne deriva la deformazione teologica; infatti nell’Abzu governato da Enki  risiedevano le miniere per estrazione dell’oro fondamentale per gli Annunaki,  Enki era il responsabile dell’estrazione e vivere nel mondo inferiore, successivamente per la teologia divenne il Signore degli abissi o inferi.

Come era il rapporto tra Annunaki e demoni? In questo articolo         abbiamo capito che fossero essere dimensionali e che quindi probabilmente gli abitanti di Nibiru si trovarono a lottare con gli stessi esseri con cui l’ umanità lotta da millenni.

Ebbene si, anche gli Annunaki  dovettero combattere con queste entità (Enki era il più potente fra gli “esorcisti”). 

Infatti credevano che molti di loro si impossessassero delle persone causando malattie, sono stati trovati testi di magia “apotropaica” (ovvero in cui vengono enumerati i rimedi contro le forze del male) e questo si crede ancora oggi in molte culture e in tutto il mondo.

I demoni quindi esistevano prima del Satan biblico, per chi abbia visto il film l’Esorcista,  vi ricorderete che a un certo punto appare un demone di nome Pazuzu che si impossessa della piccola Regan, la trasforma in quello che tutti sappiamo bene,  proprio questo demone veniva considerato “il re dei malvagi demoni del vento” lui stesso si presenta dicendo di sé:

“Io sono Pazuzu, figlio di Hanbi, re dei malvagi demoni del vento.”

Ma anche: “re dei cattivi spiriti della tempesta, che esce dalla montagna violentemente infuriando”

Per gli assiri e i babilonesi Pazuzu era un demone di tutto rispetto.

Il suo nome però come quello di suo padre, il dio Hanpa, ha un etimo che non ci ricollega alla Mesopotamia settentrionale, ci rivela che probabilmente le origini di questo demone non sono lì, ma a Sumer (o prima) in sumerico “conoscitore di incantesimi” (?).

Pazuzu era considerato il capo dei demoni tra il IV e il I millennio a.C. e per i mesopotamici essi erano forze “naturali” ostili, più che creature infere.

I demoni erano entità incontrollate che provocavano il caos, gli dèi, a quanto pare, erano gli unici a poterli dominare, quando ci riuscivano a quel punto potevano trasformarli in propri messaggeri, spesso vengono visti negli “inferi” di cui Nergal è il dio.

Essi appartenevano ad un mondo, che non era sul piano dimensionale degli uomini, mentre gli dèi lo erano.

Questa piccola statua che vedete qui sotto rappresenta il demone di cui stiamo parlando che come vedete non era molto attraente, munito di quattro ali, zampe da uccello, arti superiori animaleschi, coda da scorpione. Così lo immaginavano per quanto non lo avessero mai visto, perché come ho detto si manifestava attraverso i suoi “posseduti”.

Aveva però un aspetto anche benevolo, non era sempre visto in questo modo, molta gente indossava amuleti che raffiguravano proprio la testa di Pazuzu e che venivano soprattutto portati al collo dalle donne durante il parto. Si temeva infatti che la moglie di lui, Lamashtu, uccidesse i loro  bambini perché pare lei non potesse procreare e ne fosse invidiosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *