fbpx

L’altro incontro di un ufo con un sommergibile americano.

Abbiamo visto in questo articolo l’incontro del sommergibile USS Trepang SSN 674 della classe Sturgeon nel Marzo del 1971 con un oggetto non identificato.

Oggi voglio raccontarvi di un ulteriore incontro UFO molto recente con un altro sottomarino nucleare della Marina degli Stati Uniti quello della USS Memphis (SSN-691).

Era il 24 ottobre 1989 – Un marinaio riferisce dell’avvistamento UFO che ha avuto mentre era in Marina. “Sono stato assegnato alla USS Memphis (SSN-691), Homeport – Titusville, FL. (Cape Canaveral.)

“La nostra missione era “Incarichi speciali,” il che significava che proteggevamo il programma spaziale. Andavamo in mare e pattugliavamo mentre la navetta era sul pad.

Il 24 e 25 ottobre 1989 la mia nave era di pattuglia a circa 150 miglia dalla costa della Florida. Stavamo navigando a circa 500 piedi quando il sottomarino ha iniziato ad avere problemi all’elettronica.

La nave non funzionava bene, i nostri serbatoi stavano perdendo il controllo, stavamo perdendo la capacità di navigazione e l’area di comunicazione era completamente persa.

Ci siamo fermati e abbiamo cercato di accedere a ciò che stava accadendo. I controlli nell’area del reattore hanno iniziato a funzionare male. Questo rappresentava un serio pericolo per la nostra sicurezza, quindi il capitano ci ordinò di spegnere il reattore, riemergere e passare ai motori diesel.

Quando il sottomarino è emerso, sono andato al mio posto di guardia. Il sottomarino stava ancora riscontrando difficoltà elettroniche, ma i dispositivi meccanici come motori diesel, fornelli e turbine funzionavano.

Pioveva e tutto il cielo era rosso come un’insegna al neon rossa.

Ho visto un grande UFO a forma di V rovesciata sul lato sinistro. L’ufficiale esecutivo mi ha detto di stare in piedi e avrebbe parlato con il capitano. In un minuto, il capitano è apparso sulla torre e mi ha chiesto la distanza dell’oggetto.

Il telemetro laser ha determinato che il punto più vicino era a 200 metri e il punto più lontano era a 1.000 metri dal porto. L’UFO non era perpendicolare alla nostra nave ma ad un angolo di circa 45 piedi.

Questo oggetto era largo più di mezzo miglio. L’UFO ha fatto un semicerchio intorno alla nostra nave, poi è passato attraverso la poppa facendo impazzire i nostri sistemi elettronici.

Abbiamo avuto danni permanenti alle comunicazioni e alla sala sonar. Mentre l’imbarcazione sorvolava la poppa, potevo vedere la pioggia fermarsi sotto il suo bagliore rosso.

L’acqua sembrava alzarsi di quasi un piede mentre l’UFO passava silenziosamente. Quando l’UFO ha terminato la sua oscillazione attraverso la poppa, si è fermato: il cielo è diventato più rosso e si è semplicemente allontanato a una velocità tremenda in 15 secondi.

Quando l’UFO è partito, il sottomarino è tornato alla normalità ad eccezione della radio e del sonar. Abbiamo fatto un rapido controllo del sistema e il capitano ci ha ordinato di tornare alla potenza del reattore e di metterci in marcia.

Il capitano ha portato due sottufficiali, l’ufficiale esecutivo e me nella stanza di guardia. Ci ha detto di non diffondere voci finché non avessimo avuto la possibilità di parlare con il comandante della flotta sottomarina – Atlantic.

Abbiamo raggiunto il porto in circa 7 ore dove sono stato preso in “custodia protettiva”.

Con due colleghi parlando abbiamo convenuto di aver assistito a un vero UFO. Sono stato io a sparare con un telemetro laser, quindi ero l’unico che aveva le sue dimensioni esatte. Ho sparato a quella nave mentre si librava e ho ottenuto letture solide, non letture erronee come farei sui detriti.

Siamo rimasti in attesa per circa tre ore quando è arrivato un ufficiale dell’aeronautica e ci ha fatto una battuta sull’esplosione di un satellite meteorologico.

La Marina ha quindi trasferito praticamente tutti i membri dell’equipaggio a nuovi incarichi.

Questo includeva il capitano, l’ufficiale esecutivo e l’intero equipaggio. Sono stati divisi, cosa che non accade quasi mai a meno che uno di loro non ottenga una promozione o un nuovo comando, nessuno dei quali è accaduto.

I militari avevano appena diviso una squadra di 4 anni .

Incredibile non trovate?

ita

Cesare Valocchia

Cesare Valocchia è nato a Roma nel 1970. Perito tecnico in telecomunicazioni con alle spalle corsi specialistici in fibre ottiche e trasmissione dati, coltiva due passioni: il volontariato e l’ufologia. Istruttore di manovre di rianimazione cardio-polmonare adulto e bambino, ha raccolto le sue esperienze di volontario sui mezzi del servizio di emergenza sanitaria nazionale 118 di Roma in un ebook dal titolo: “ Non dirmi grazie ”. Il suo motto è: Aiutare chi soffre è il miglior pagamento. Dai primi anni 90 si occupa di avvistamenti e dal 2011 cura personalmente il sito di ufologia www.myuforesearch.it del quale è responsabile. Le sue ricerche sul legame apparizioni mariane e fenomeno ufo sono disponibili nel suo sito. E’ membro del Cun ( Centro Ufologico Nazionale), sulla cui rivista ufficiale è stato pubblicato, nel maggio 2017, il suo studio sugli oggetti volanti non identificati a Medjugorje.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *