fbpx

Conferme su conferme sul nesso apparizioni mariane-Ufo.

Gaio Muzio Scevola era un soldato dell’Impero Romano, è il protagonista di una nota leggenda romana da cui deriva il detto: “Posso metterci le mani sul fuoco” ad indicare di essere così sicuri di una cosa da commettere persino un gesto estremo.

Non sono Muzio Scevola, sono un ufologo italiano e sono pronto a mettere non solo le mani passatemi il concetto, ma anche i piedi nel fuoco e affermare che le apparizioni mariane sono state e sono anche ora espressione di un fenomeno unicamente extraterrestre.

E’ doveroso fare una precisazione che riguarda soprattutto i credenti cattolico-cristiani, se avete una mentalità aperta e non chiusa con il paraocchi, (nessuno se la prenda a male), ma per esperienza è così, riuscirete a comprendere la realtà dei fatti, perché l’eresia è solo negli occhi di chi non ha mai compreso che in questa faccenda di divino non esiste nulla.

Tant’è che sul tema ho scritto un libro “Il contatto ufo ed alieno nella storia cristiana

La novità dove sta direte voi, visto che comunque nel sito Myuforesearch  parli della tua indagine.

La novità è che sempre più prove vanno a suffragare la mia teoria.

Agatha Christie diceva:” Una coincidenza è una coincidenza, due coincidenze sono un indizio ma tre coincidenze sono una prova!”

Non voglio giustamente spoilerare il mio libro.

Voglio solo portarvi a riflettere, questo è unicamente il mio obiettivo, fornirvi i pezzi di un puzzle, e aiutarvi a metterli insieme per farvi finalmente vedere l’immagine completa.

Come ho affermato più volte nel mio sito durante ogni apparizione della Vergine al veggente di turno, si manifestano oggetti volanti sconosciuti, questo si verifica in concomitanza con il radunarsi di folle e ve lo mostro a questo link, trovate tutto il materiale, ma aspettate a cliccare, leggete fino in fondo l’articolo per favore.

Migliaia, ma anche centinaia di fedeli sono sufficienti a destare l’interesse degli alieni. Perché dunque radunare intere folle?

Che dietro le epifanie mariane si nasconda un inganno ai danni del genere umano è spiegato sempre nel libro, ma la chiave di volta dove sta vi chiederete.

La soluzione non è ne nella veridicità delle dichiarazioni del veggente,ne  nella sua integrità morale.

A questa razza di  extraterrestri responsabile delle apparizioni interessa solo radunare le persone, più gente possibile al di là del fatto che il veggente creda ciecamente o meno in dio e vi porto un caso reale incontestabile di cui sono più che certo, perché in questa storia che sto per raccontarvi non solo ci furono testimoni pronti a spergiurare di aver visto Ufo durante la manifestazione, ma vi fu anche un forte interessamento della stampa locale dell’epoca.

I fatti risalgono al 1991-1992 l’ambientazione un piccolo centro in provincia di Caserta- Italia, la cittadina è Capodrise. Qui il giovane Michele Improta dichiara che un giorno mentre era sulla spiaggia di Mondragone assistette all’apparizione di una donna bellissima vestita di bianco, bruna e con gli occhi azzurri, che con una mano gli fece cenno di avvicinarsi e con voce melodiosa gli disse: “Michele figlio mio, Gesù bambino, vuole servirsi di te, vuole che gli somigli e che lo serva per tutta la vita. Io ti sarò vicina e non ti abbandonerò mai.”

Fatto sta che Improta dichiara che per lui iniziano da quel giorno ogni 13 del mese le apparizioni e che ne avrebbe anche in altre date.

A mostrarsi dopo poco, sarà anche Gesù Cristo vestito di bianco, ma non solo, iniziano a verificarsi anche miracoli documentati da decine di telecamere e macchine fotografiche. Appaiono ostie nelle mani del veggente, la statua del Bambino Gesù suda come un bimbo vero, un quadretto raffigurante il “Volto Santo di Napoli” piange lacrime, un’altra statua del Bambino Gesù piange sangue, se verifica l’apparizione di una croce nel sole, le stimmate sui palmi del veggente Improta e molto altro.

Vi sono poi le guarigioni miracolose molte delle quali certificate presso la facoltà di medicina e chirurgia dell’università Federico II di Napoli, altre presso il Policlinico Cattedra di ottica fisiologica di Napoli altre dall’ ospedale Nuovo Pellegrini sempre di Napoli ed altre ancora .

Bene qualcuno dirà certamente che si i possono falsificare le lacrimazioni o le esudazioni di sangue sulle statue, ma c’è una manifestazione che è impossibile falsificare, quale? Durante le estasi del veggente, il sole si muove.

Succedeva che davanti al cortile di casa Improta cadeva in ginocchio e a quel punto il sole iniziava a roteare, a pulsare, ballare insomma la solita pantomima più volte verificatasi a cominciare da Fatima. Ovviamente di quei tempi ma anche ora la mancanza di cultura sugli alieni ha fatto ritenere che si trattasse realmente di un miracolo e che fosse veramente il nostro astro a muoversi.

Sulle telecamere con videocassette e sulle macchine fotografiche ancora con la pellicola furono impressi migliaia di testimonianze del sole ballerino.

Se però ci si spostava dalla perpendicolare si capiva l’inganno, si vedevano una o più sfere luminose pulsare sopra e sotto le nuvole, ripeto in molti filmati dell’epoca si notava l’imbroglio.

Tale fenomeno era visibile addirittura dai paesi vicini dove la prospettiva laterale svelava il trucco usato dagli extraterrestri. Il racconto di tutti questi fatti si concretizza con l’ uscita addirittura di un libro scritto da un tale Myriam Jessi che descriveva sia le guarigioni che le vicende miracolose a Capodrise, un vero business insomma.

Accade però una cosa inaspettata, come nelle vicende di Fatima infatti in cui la Madonna aveva rivelato al pastorello il suo prematuro passaggio a miglior vita, qui sembra avvenire la stessa comunicazione.

In una trasmissione tv del 1992 “I fatti vostri” apparivano la maestra di Improta ed alcuni suoi parenti che annunciavano che la Vergine avrebbe portato con sé Il veggente e sul luogo delle apparizioni sarebbe sgorgata una fonte miracolosa.

Qualche settimana dopo questo annuncio sensazionale in Tv su una rivista settimanale chiamata “Gente” veniva pubblicata un’inchiesta clamorosa sulla figura di Improta.

Una commissione di inchiesta aveva indagato approfonditamente le vicende che avevano coinvolto Il veggente. Risultò che le stimmate erano false, Improta era sfruttato dalla famiglia e risultò che i parenti avevano inscenato il tutto per arricchirsi, vendere souvenir, il libro e l’acqua miracolosa che misteriosamente era sgorgata dal giardino.

Dopo la rabbia iniziale dei delusi, sulla vicenda calò rapidamente il sipario, probabilmente ci fu un intervento della Curia che pretese di far cadere nell’oblio tali fatti, preoccupata credo io, che un analisi delle migliaia di immagini avrebbe mostrato il nesso ufo apparizioni mariane.

Ricapitolando, agli alieni interessa radunare folle da 2000 anni e dietro non c’è la bontà d’animo di una mamma, la Vergine Maria che vuole proteggere l’umanità, sappiatelo.

Per concludere non voglio far tutta l’erba un fascio, non è possibile affermare che tutte le razze che ci visitano siano malvagie, c ‘è da dire che la situazione non è né come la vuole dipingere il Pentagono dopo l’ apporto della Ttsa ed il rilascio dei video della Marina degli Stati Uniti che ha intrapreso una campagna volta a far apparire il fenomeno ufo come una minaccia, ne come la dipinge il Dr.Steven Greer che ritiene tutti i visitatori buoni, probabilmente il suo team ed il protocolli Ce5 che ha elaborato si relazionano con razze benevole, quindi la verità sta nel mezzo ed un eventuale contatto potrebbe piacerci o meno.

Cesare Valocchia

Cesare Valocchia

Cesare Valocchia è nato a Roma nel 1970. Perito tecnico in telecomunicazioni con alle spalle corsi specialistici in fibre ottiche e trasmissione dati, coltiva due passioni: il volontariato e l’ufologia. Istruttore di manovre di rianimazione cardio-polmonare adulto e bambino, ha raccolto le sue esperienze di volontario sui mezzi del servizio di emergenza sanitaria nazionale 118 di Roma in un ebook dal titolo: “ Non dirmi grazie ”. Il suo motto è: Aiutare chi soffre è il miglior pagamento. Dai primi anni 90 si occupa di avvistamenti e dal 2011 cura personalmente il sito di ufologia www.myuforesearch.it del quale è responsabile. Le sue ricerche sul legame apparizioni mariane e fenomeno ufo sono disponibili nel suo sito. E’ membro del Cun ( Centro Ufologico Nazionale), sulla cui rivista ufficiale è stato pubblicato, nel maggio 2017, il suo studio sugli oggetti volanti non identificati a Medjugorje.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *