fbpx

Gli esperimenti del governo russo, gli xfiles sovietici

Abbiamo visto  nell’ articolo su chi fossero i “soldati astrali “, che il governo americano ha sempre improntato le sue ricerche nel raggiungimento di stati alterati di coscienza con il fine di creare sovraumani. Ha quindi arruolato i migliori scienziati nel progetto “Hemy-Sync”, ma pensavate che tali ricerche fossero ad appannaggio americano? No, perchè anche l’ex unione sovietica ha lavorato per conseguire lo stesso obbiettivo.

Sono venuti alla luce infatti alcuni  X-Files del Ministero della Difesa sovietico

In epoca sovietica, il Ministero della Difesa stava lavorando a un progetto segreto volto a creare un superumano con capacità paranormali. Nell’ambito di questo progetto, un gruppo di scienziati è riuscito a entrare in contatto con una civiltà extraterrestre. Il capo di questo progetto top secret ha condiviso per la prima volta alcuni dettagli con un gruppo di giornalisti.

In una normale giornata invernale a Mosca, nel comfort di una stanza con camino, i giornalisti hanno avuto un incontro con  un alto funzionario in pensione del Ministero della Difesa, un tenente generale riservista, di nome Alexey Savin membro dell’Accademia di scienze naturali e poi con ex generale riservista anche lui.

Hanno dichiarato che alla  fine degli anni ’80 un gruppo di ricercatori dell’Unità di gestione esperta dello Stato maggiore è riuscito ad avere un contatto con i rappresentanti di una civiltà aliena. È interessante notare che nessuno dei giornalisti è stato particolarmente sorpreso ma, piuttosto, sollevato dalla “confessione”.

Vasily Yeremenko, il generale di riserva della FIB, accademico dell’Accademia di sicurezza, difesa e applicazione della legge, è stato il primo a parlare alla stampa. In epoca sovietica ha prestato servizio nel KGB e ha supervisionato l’aviazione e lo sviluppo della tecnologia aeronautica. Tra i suoi incarichi c’era la raccolta di informazioni da parte dell’Aeronautica Militare sui fatti di apparizione di oggetti volanti non identificati. Secondo Vasily Yeremenko, a quel tempo c’erano molte informazioni di questo tipo.

Lo staff delle unità missilistiche ricevette persino una direttiva in caso di rilevamento di UFO. Il compito principale  era non creare occasioni per un aggressione reciproca. Nel 1983-1984 presso i campi di prova dell’Accademia delle scienze di Vladimirovka, il Ministero della Difesa e il KGB hanno organizzato uno studio su larga scala dei fenomeni paranormali. Il sito di addestramento militare non è stata una scelta casuale. Gli esperti sono giunti da tempo alla conclusione che gli UFO inevitabilmente compaiono nei luoghi in cui vengono testati equipaggiamenti e armi militari.

Vasily Yeremenko, crede che questo argomento richieda un approccio serio perché è un problema di sicurezza nazionale. Tuttavia, è ancora un argomento tabù sia negli Stati Uniti che in Russia. Il tenente generale Alexey Savin ha proceduto a rivelare alcuni aspetti dell’impegno del Ministero della Difesa. Era a capo dell’Unità di Gestione Esperti dello Stato Maggiore, il cui compito era quello di esaminare vari fenomeni insoliti.

Il progetto principale dell’unità era un programma statale sulla scoperta delle risorse umane intellettuali. L’obiettivo del programma era identificare modi per far funzionare il cervello umano in un regime speciale di superpoteri, rendendo una persona un superumano. Il consiglio scientifico del programma è stato guidato da un’accademica Natalya Bekhtereva, che fino alla sua morte è stata direttrice scientifica dell’Istituto del cervello umano della RAS.

Al programma hanno partecipato oltre duecento professionisti altamente qualificati provenienti da tutto il paese. “Nel processo di ricerca, siamo giunti alla conclusione che un essere umano fosse un sistema energetico e informativo che riceve informazioni dall’esterno. Questo è precisamente il motivo per cui un essere umano può manifestare abilità paranormali”, ha detto Alexey Savin. Per identificare questa fonte esterna di informazioni, sono stati creati tre gruppi. Un gruppo era formato da scienziati, un altro da militari e il terzo era composto da donne.

Il gruppo di donne ha compiuto i progressi più significativi nella ricerca. Savin ha spiegato che “volevano stabilire un contatto con rappresentanti di altre civiltà. E lo abbiamo fatto”. Secondo lui, è stato sviluppato un metodo speciale che ha permesso al cervello umano di sintonizzarsi su un contatto. “Abbiamo dovuto sintonizzare il profilo energetico del cervello umano su un’onda particolare, come quelle di una radio”, ha spiegato Alexey Savin.

Nel corso dell’esperimento non sono stati utilizzati ipnosi, farmaci o altri metodi simili. È stato inoltre sviluppato uno speciale sistema di test per separare i rapporti provenienti dalle allucinazioni da quelli di una possibile follia dei partecipanti all’esperimento. I risultati sperimentali sono stati impressionanti: a sei partecipanti è stata data la possibilità di un contatto fisico e due di loro sono persino riusciti a visitare una nave aliena. Secondo Savin, i rappresentanti delle civiltà extraterrestri si sono rivelati gradualmente, dando via le informazioni come hanno ritenuto opportuno.

In particolare, hanno parlato della loro struttura governativa e del sistema educativo. Non è stato possibile ottenere informazioni  militari. L’unica cosa che hanno deciso di condividere è stato uno schema delle apparecchiature per la diagnosi e il trattamento di varie malattie. Il capo dell’esperimento ha spiegato che gli esseri umani erano come bambini piccoli per loro. “La nostra civiltà è troppo giovane per interessarsi a loro come soggetto per un dialogo. Poiché siamo parte dell’universo, possiamo danneggiare noi stessi e altre civiltà con le nostre azioni sciocche, quindi si prendono cura di noi”.

Il programma di comunicazione con l’intelligenza extraterrestre fu sviluppato per diversi anni fino all’intervento della politica. Nel 1993, infatti lo studio è stato interrotto e l’unità è stata sciolta.  Savin, è stato comunque in grado di conservare  un piccolo numero di documenti, la maggior parte di essi, compresi i reportage fotografici, sono ancora negli archivi del Ministero della Difesa. Per inciso, il metodo unico per lo sviluppo delle capacità fenomenali di un individuo, fino a poco tempo fa, fu  utilizzato nell’Accademia intitolata a Gagarin se non che fu poi  sciolta dall’ex ministro della Difesa Serdyukov. Tuttavia, il nucleo del gruppo di ricerca è stato preservato.

“Quattro anni fa abbiamo provato a ripetere l’esperimento e ci siamo riusciti”, ha detto Alexey Savin. Secondo lui, oggi questo lavoro continua e “il cervello e le persone di talento sono ancora presenti nell’industria della difesa”. Rispondendo alla domanda dei giornalisti della Pravda.Ru  perché si è deciso di annunciarlo ai media, Savin ha risposto: “Perché nascondere qualcosa alla gente? Bisogna invece prepararsi a nuove sfide”.

Cesare Valocchia

ita

Cesare Valocchia

Cesare Valocchia è nato a Roma nel 1970. Perito tecnico in telecomunicazioni con alle spalle corsi specialistici in fibre ottiche e trasmissione dati, coltiva due passioni: il volontariato e l’ufologia. Istruttore di manovre di rianimazione cardio-polmonare adulto e bambino, ha raccolto le sue esperienze di volontario sui mezzi del servizio di emergenza sanitaria nazionale 118 di Roma in un ebook dal titolo: “ Non dirmi grazie ”. Il suo motto è: Aiutare chi soffre è il miglior pagamento. Dai primi anni 90 si occupa di avvistamenti e dal 2011 cura personalmente il sito di ufologia www.myuforesearch.it del quale è responsabile. Le sue ricerche sul legame apparizioni mariane e fenomeno ufo sono disponibili nel suo sito. E’ membro del Cun ( Centro Ufologico Nazionale), sulla cui rivista ufficiale è stato pubblicato, nel maggio 2017, il suo studio sugli oggetti volanti non identificati a Medjugorje.

2 pensieri riguardo “Gli esperimenti del governo russo, gli xfiles sovietici

  • 10 Giugno 2021 in 09:14
    Permalink

    Sono sempre più convinta che loro sono qui per controllarci perché oramai hanno capito che non siamo una specie intelligente ed evoluta. Ci uccidiamo tra di noi e stiamo distruggendo questo bellissimo pianeta la sola casa che abbiamo e se arriveremo al punto di non ritorno non esiteranno ad annientarci per preservarlo. E spero che sia così. Buona giornata.

    Rispondi
    • 10 Giugno 2021 in 09:24
      Permalink

      Le razze che ci visitano sonob molte,ad alcune siamo totalmente indifferenti

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *