fbpx

La magia egizia per evocare demoni ed entità da altri mondi

Abbiamo visto come una matrix universale colleghi entità extraterrestri corporee e non di questo universo e di quelli paralleli, forze energetiche richiamabili dalla notte dei tempi con riti ed incantesimi. Rituali specifici ottemperati da stregoni, shamani di ogni epoca e tribù che in stati alterati di coscienza ma non solo riescono secondo indicazioni precise tramandate anch’esse a richiamare entità dimensionali e realizzare malefici. I Sumeri come abbiamo visto erano esperti in tale arte, lo stesso interesse per il culto dei morti, dell’oltre tomba e di quanto relazionato con l’aldilà lo ritrovamo nella cultura egizia.

Molti scrittori classici infatti considerarono l’Egitto la fonte della conoscenza magica. L’antichità della sua civiltà, l’abbondanza di templi e piramidi, divinità misteriose con teste di animali e uccelli, misteriosi geroglifici, rituali in onore dei defunti, la deificazione dei faraoni hanno creato un’atmosfera seducente e ipnotizzante che per gli aderenti all’occulto non è ancora scomparsa nell’oscurità dell’oblio.

Nell’antico Egitto, credevano che la magia permettesse di stabilire contatti tra persone e dei, così come tra i vivi e i morti, vi ricorsero per assicurare condizioni confortevoli per la loro futura permanenza nell’aldilà e per risolvere importanti problemi dell’attuale vita terrena.

La prova della fede nel potere e nel potere della magia ci è arrivata fin dai tempi antichi. Uno di questi è un’iscrizione su una stele di granito trovata tra le zampe della Sfinge a guardia della piramide di Chefren a Giza. L’iscrizione racconta che  il faraone Thutmose II, che regnò dal 1290 al 1224 a.C., stanco dopo la caccia, si appisolò ai piedi della Sfinge. In un sogno, gli apparve il dio Haremahet, che gli ordinò di pulire la statua della Sfinge dalla sabbia che la copriva. Svegliandosi, Thutmose ordinò di iniziare immediatamente a compiere la volontà divina.

In uno dei testi di magia  viene descritta la tecnica per invocare gli spiriti dei morti, o negromanzia, è contenuta in una serie di istruzioni conservate nei musei di Londra e Leida o al Louvre parigino. Si possono trovare descrizioni dettagliate su come stabilire un contatto non solo con gli dei e gli spiriti del regno della luce, ma anche con esseri demoniaci e anime perdute e in rovina.

La negromanzia è nata e si è sviluppata a causa del desiderio delle persone di penetrare il segreto di fenomeni ed eventi nascosti e inconoscibili, sia presenti, passati che futuri. Si credeva che consentisse di ricevere messaggi, consigli e istruzioni dall’altro mondo, nonché di fare richieste alle creature che vi risiedono. Naturalmente, tutte queste azioni erano accompagnate da certi rituali, spesso molto complessi.

La conoscenza degli antichi egizi sull’esistenza, l’aspetto e l’occupazione dei demoni era molto più ampia e ricca della conoscenza dei maghi europei durante il Medioevo e il Rinascimento. Una grande quantità di informazioni sui demoni sotterranei è contenuta nei testi dell’antico Libro dei Morti egiziano. Alcuni di loro proteggevano le porte dell’aldilà dalla penetrazione dei “malvagi”, altri vagavano per i possedimenti sotterranei di Osiride, i corpi dei morti gli servivano da cibo in questo mondo cupo, e si dissetavano con il loro sangue. Con i demoni il mago egiziano, di sua iniziativa, non entrava in contatto, di regola, e se venivano senza invito, li scacciava con l’aiuto di specchi, vari amuleti e incantesimi.

Il contenuto principale dei rituali magici erano gli incantesimi. Con il loro aiuto, erano capaci di evocare creature dell’altro mondo, le subordinavano alla volontà dell’incantatore e le rimandavano  al loro luogo di residenza permanente. Lo stile degli incantesimi era sempre supplichevole ed esigente, venivano pronunciati o letti con intonazioni speciali, accompagnati da gesti e posture speciali, e tutto questo era uno spettacolo molto impressionante. Ogni mago aveva la sua serie di incantesimi, che spesso conservava con la massima riservatezza, perché si credeva che se un “collega” li avesse scoperti o peggio ancora, avesse provato a usarli, avrebbero perso il loro potere.

Ecco un esempio di un incantesimo e della sua attuazione, tratto da un testo antico e riportato nel famoso romanzo “Faraone” di Boleslav Prus (tradotto da E. Troepolsky): “Allora il mago alzò le mani e disse:” Padre celeste “, mite e misericordioso, purifica la mia anima … Eccomi qui, confidando nell’aiuto di Dio, sono visionario e senza paura … sono potente – vi chiamo ed evoco … Apparite a me, obbedienti, nel nome di Aye, Saraye … Nel nome dell’onnipotente ed eterno Dio … Amorul, Taneha, Ra-bur, Latisten … Ti evoco e chiamo … In nome della stella, che è il Sole … ”All’improvviso tutto fu tranquillo. Davanti all’altare apparve un fantasma in corona, con una verga in mano, a cavalcioni di un leone. “Beroes! .. Beroes! ..” disse il fantasma con voce opaca. “Perché mi chiami? ..”.

Un tipo speciale di stregoneria “applicata” come abbiamo visto essere espressione anche nella cultura Sumera era la creazione di corpi sostitutivi, che venivano usati esclusivamente ai fini della magia nera. Gli antichi egizi erano sicuri che se un mago modellasse una statuetta di una persona con la cera e avesse iniziato a eseguire determinati rituali su di essa, i loro risultati avrebbero influenzato la persona che serviva da prototipo per la statuetta. La prevalenza di tali manipolazioni con bambole di cera è testimoniata, in particolare, dalle iscrizioni sui sarcofagi dell’era del Medio Regno (2050-1750 a.C.), oltre che da testi antichi.

Nel cosiddetto “Li Papyrus” c’è una voce del genere: “Pentiboon, che era il gestore della tenuta, gli disse:” Portami un libro che mi darebbe potere e potere magico “. Egli portò un libro sulla magia dalla biblioteca del Faraone, il grande dio, il suo maestro, e andò a usare il potere divino contro il suo popolo. Il suo assistente El-rem ha realizzato statuette di persone di cera e ha eseguito vari incantesimi su di loro. E così entrambi hanno scatenato malattie, pestilenze e altre disgrazie sulle persone “. Ed ecco un frammento del testo dal Papiro di Rollin: “Ho fatto ricorso alla stregoneria per provocare e portare sfortuna. Ho realizzato diverse statuette di cera di divinità e persone, al fine di provocare secchezza e necrosi degli arti di queste persone. Ho dato queste cifre a Rabbekameo, che il divino Ry non ha nominato governatore della casa “.

Questo papiro racconta la Cospirazione dei Ministri dell’Harem contro Ramses III, l’ultimo importante faraone del Nuovo Regno, che governò dal 1188 al 1157 a.C. e. Alla cospirazione presero parte anche alcuni stregoni che praticavano la magia nera e rivolgevano la loro arte contro il faraone e i suoi cortigiani. Ma, come prosegue il papiro, la cospirazione è stata scoperta. I cospiratori, i principali dei quali furono riconosciuti come due stregoni, furono processati. Uno di loro è stato brutalmente giustiziato, l’altro è stato costretto al suicidio.

Tuttavia, non solo i cospiratori ricorsero ai servizi dei maghi neri, ma anche la più alta nobiltà egizia, fino ai faraoni inclusi. Dopotutto, dovevano anche combattere contro i loro nemici letteralmente per la vita o la morte. In questi casi, il libro del demone Apopis probabilmente serviva da guida, che suggerisce, ad esempio, questo metodo per distruggere i nemici: “Crea figure di cera di tutti i nemici viventi e inanimati del Faraone e scrivi i nomi di queste persone con vernice verde su di esse. Metti le figure in una scatola, sputaci sopra e poi calpestale con il piede sinistro “impuro”. Dopodiché, pugnalali con un coltello e gettali nella paglia ardente, che poi spegni versandola con l’urina di una donna adulta “.

L’amuleto è stato considerato uno dei più potenti mezzi magici sin dai tempi antichi. Il suo scopo è proteggere il suo proprietario da tutti i tipi di problemi. Secondo l’antico scrittore e storico greco Plinio il Vecchio, gli amuleti erano più diffusi nell’antico Egitto durante il Nuovo Regno (1580-1085 a.C.). Gli amuleti erano fatti di pietre preziose e semplici, metallo, vetro, legno. Potrebbero essere pezzi di papiro o stoffa con incantesimi o disegni di simboli magici. A volte gli amuleti sotto forma di piccoli oggetti venivano posti all’interno di cinture cucite sugli abiti.

La magia nell’antico Egitto era strettamente associata alla medicina e alla guarigione. Il più grande dei saggi, stregoni e guaritori della tradizione egizia era considerato Imhotep, il supremo dignitario del faraone Djoser, che governò intorno alla prima metà del XXVIII secolo a.C.

Il nome e i titoli di Imhotep – il costruttore della prima piramide, la tomba a gradini di Djoser a Sakkara – sono conservati sulla statua del faraone nel tempio commemorativo di questa piramide. Tuttavia, la fama del guaritore superò tutti gli altri meriti di Imhotep, e in seguito fu divinizzato come il santo patrono della guarigione, particolarmente venerato a Memphis. Dalla metà del primo millennio a.C.  i Greci iniziarono a identificarlo con Asclepio; il dio della guarigione, che aveva la capacità anche di resuscitare i morti (nell’antica mitologia romana, Asclepio corrisponde ad Esculapio).

Uno dei compiti più importanti dei maghi nell’antico Egitto era proteggere i segreti e la pace dei loro ex padroni e mecenati dopo la loro transizione “verso un altro mondo”.  Hanno affrontato perfettamente questo compito sia durante la loro vita che dopo la loro morte. Ci sono molte prove di come, anche in tempi antichi, il destino crudelmente punì i ladri e profanatori delle tombe dei nobili egizi.

Ma gli incantesimi sembrano essere in vigore fino ai nostri giorni. In quale altro modo spiegare la già citata serie di morti misteriose di molti di coloro che hanno preso parte all’autopsia e alla ricerca della tomba del faraone Tutankhamon. Tuttavia, poche persone conoscono un’altra storia altrettanto misteriosa e inquietante associata all’apertura della tomba della sacerdotessa del dio Amon-Ra, che visse nella città di Veset circa 3600 anni fa e fu sepolta nella Valle dei Re vicino a Biban El-Mulyuk.

La sua tomba è stata saccheggiata negli anni ’60 del XIX secolo, la mummia della sacerdotessa non è sopravvissuta, ma il sarcofago con l’immagine di un volto femminile di demoniaca bellezza è rimasto intatto. Si dice che tutti coloro che si sono occupati di questo sarcofago siano stati travolti da una morte prematura e inspiegabile. Compresi tutti i proprietari che si sono succeduti. Un fotografo che ha scattato le foto del sarcofago avrebbe visto su una delle stampe, come se fosse viva, il volto di una bella donna egiziana con un sorriso minaccioso sulle labbra. L’ultimo proprietario della reliquia si è  salvato la vita in estremis donandola al British Museum. ma l’incantesimo ha continuato comunque a funzionare. Quando divenne evidente che, dopo l’acquisizione del sarcofago, il tasso di mortalità tra i lavoratori del museo aumentò notevolmente, si decise di nasconderlo nel seminterrato e di esporne una copia nell’atrio.

Nel frattempo, gli americani si interessarono al sarcofago e nel 1912 fu organizzata la sua consegna segreta negli Stati Uniti. La reliquia era imballata in una semplice scatola, nella polizza di carico e nella dichiarazione doganale era registrata come una “scatola con i libri”. Il 10 aprile 1912 fu caricata a Southampton a bordo del piroscafo più moderno e affidabile del Royal Postal Service. Questo piroscafo era il Titanic nel suo primo viaggio di lavoro. E nella notte tra il 14 e il 15 aprile, si scontrò con un enorme iceberg e affondò. Dei 2.227 passeggeri, sopravvissero solo 705. Come si è scoperto in seguito, sulla rotta del Titanic, l’iceberg fatale era l’unico nel raggio di diverse decine di miglia.

Cesare Valocchia

Cesare Valocchia

Cesare Valocchia è nato a Roma nel 1970. Perito tecnico in telecomunicazioni con alle spalle corsi specialistici in fibre ottiche e trasmissione dati, coltiva due passioni: il volontariato e l’ufologia. Istruttore di manovre di rianimazione cardio-polmonare adulto e bambino, ha raccolto le sue esperienze di volontario sui mezzi del servizio di emergenza sanitaria nazionale 118 di Roma in un ebook dal titolo: “ Non dirmi grazie ”. Il suo motto è: Aiutare chi soffre è il miglior pagamento. Dai primi anni 90 si occupa di avvistamenti e dal 2011 cura personalmente il sito di ufologia www.myuforesearch.it del quale è responsabile. Le sue ricerche sul legame apparizioni mariane e fenomeno ufo sono disponibili nel suo sito. E’ membro del Cun ( Centro Ufologico Nazionale), sulla cui rivista ufficiale è stato pubblicato, nel maggio 2017, il suo studio sugli oggetti volanti non identificati a Medjugorje.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *