fbpx

Testimonianze storiche di eventi sconosciuti nei cieli

Una raccolta di avvistamenti di decine di secoli fa.

L’universo è pieno di misteri che sfidano le nostre conoscenze attuali. “Beyond Science” Epoch Times raccoglie storie di strani fenomeni per stimolare l’immaginazione e aprire ad ogni possibilità. Sono vere? Siate voi a decidere.

La descrizione di oggetti volanti non identificati (UFO) è rimasta abbastanza uniforme in tutta la storia, tutto ciò risale sin dall’antichità. Mentre molto potrebbe essere attribuito a fenomeni naturali, uno studio approfondito da parte della NASA nella persona di Richard Stothers rimane tuttavia un piccolo residuo di sconcertanti rompicapo, circa l’interpretazione su come collocarli ed in generale costituiscono un fenomeno che attraversa secoli di tempo e ampiamente diverse culture. “

Stothers (1939-2009) si è laureato in matematica presso la Princeton University, ha conseguito il dottorato di ricerca ad Harvard, ed era un membro permanente del Goddard Institute della NASA per gli studi spaziali.

Ecco uno sguardo a cinque avvistamenti UFO di Stothers valutati e ritenuti sconcertanti in un rapporto del 2007.

1. Carri nel cielo ( testimoniato da molti)

Lo storico Giuseppe Flavio scrive che nel 65 dC di un fantastico avvistamento in Giudea: “Il 21 del mese Artemisio, apparve un fenomeno miracoloso, difficile da credere. Infatti, quello che riferisco sarebbe difficile da credere,e sarebbe ritenuto una favola, non fosse per i racconti di testimoni oculari e le calamità successive che meritavano di essere segnalate. Infatti, prima del tramonto in tutte le parti del paese, sono stati visti carri nell’aria e battaglioni armati sfrecciare attraverso le nuvole e passare sulle città. “

Josephus sembra avere assistito allo stesso evento, dice Stothers, anche se la sua credibilità’ va sostenuta facendo appello alle testimonianze oculari. La descrizione di ciò che avvenne non sembra trovare corrispondenza con qualsiasi fenomeno naturale, scrive Strothers.

2. Migliaia di soldati romani testimoni di un ufo?

Plutarco scrisse di un avvistamento testimoniato da migliaia. Nel 74 aC, l’esercito romano stava muovendo per affrontare le forze del re Mitridate VI nell’area della moderna Turchia.

“Con nessun cambiamento apparente di tempo, ma tutto a un tratto, il cielo scoppiò a pezzi, e un enorme, corpo come fiamma è stato visto a cadere tra i due eserciti,” Egli scrisse. “In forma, era più simile a una anfora per vino (pithoi), e nel colore, come l’argento fuso. Entrambe le parti rimasero stupiti alla vista, e separate. Questa meraviglia, come si dice, si verificò in Frigia, in un luogo chiamato Otryae. “
Stothers sottolinea che meteoriti appena caduti sono neri, non colore “argento fuso”, il che suggerisce che non è stato un meteorite. Anche Plutarco non menziona l’impatto.

Stothers ha scritto: “L’oggetto deve essere misurato molto più di un metro di diametro, da quando si è manifestato a distanza facilmente superiore alla metà di un tiro d’arco. Se fosse rimasto a terra, un meteorite di tali dimensioni avrebbe senza dubbio potuto diventare un oggetto di culto in Frigia, con la sua lunga tradizione di culto sulle meteore, ma le registrazioni storiche Frigie di eventi sulle meteore non ne parlano. “

Tuttavia, c’è una possibilità l’UFO era un bolide, una meteora luminosa che spesso esplode.


3.Avvistamenti durante la seconda guerra punica a Roma.

Molti avvistamenti sono stati registrati durante e dopo la seconda guerra punica (218-201 aC) nelle liste dei prodigi di Livio. Le liste sono state derivate dal Annales Maximi, pubblicato dal Pontifex Maximus di Roma. Considerando che questa fonte è affidabile e precisa, ha spiegato Stothers, a causa della procedura che richiedeva tempo e approfondimenti richiesti dalle autorità romane per indagare sulle attestazioni prima che venivanoo registrate.
A Roma, nell’inverno del 218 aC, “Uno spettacolo di navi (navium) brillò nel cielo.”

Nel 217 aC, “Ad Arpi, scudi rotondi (Parmas) furono osservati nel cielo.”

Nel 173 aC, “a Lanuvio lo spettacolo di una grande flotta è stato detto di essere stato visto nel cielo.”

Non è probabile che formazioni nuvolose siano frutto di suggestione e che siano stati scambiati per UFO, Strother racconta che , da tempo tali formazioni originali erano state conosciute ed erano familiari . Questi avvistamenti non sono suscettibili di essere interepretati come finti solio, perché soli finti sono normalmente descritti come “doppio soli” o “soli tripli.”

4. Capelli d’ Angelo

Fibre vetrose simili ad una ragnatela, una sostanza impalpabile si dice di essere lasciata nella scia degli UFO. (Shutterstock)

Nei moderni rapporti UFO, è comune sentir parlare di fibre di vetro o di una sostanza gessosa lasciato dal UFO, conosciuta come capelli d’angelo. Report antichi li descrivono proprio come capelli d’angelo.

Nel 196 dC, lo storico Cassio Dione scrisse: “Una pioggia fine che ricorda argento scese dal un cielo sereno sopra il Foro di Augusto. Io non so se sia vero, io la vidi mentre stava cadendo, e notai che dopo che era caduta, con questa ha ricoperto alcune monete di bronzo placcate d’argento con tale sostanza. Queste hanno mantenuto lo stesso aspetto per tre giorni, ma per il quarto giorno tutta la sostanza strofinata su di esse era scomparsa. ” Altri due “piogge di gesso” sono stati riportati in Cales 214 aC 98 a Roma e aC

5. L’Ufo abitato

Il fratello di papa Pio fu probabilmente l’unico testimone di questo avvistamento UFO nei pressi di Via Campana, Italia, intorno al 150 dC:

“In una giornata di sole, una ‘bestia’ come un pezzo di ceramica (Ceramos) di circa100 metri di dimensione,era multicolore sulla sommità e tiro fuori raggi infuocati, atterrò in una nube di polvere accompagnato da una ‘ragazza’ vestita di bianco. “
Stothers concluse “Questa raccolta di ciò che potrebbero essere definiti antichi rapporti sugli UFO è stata avvalorata da un numero molto maggiore di segnalazioni di oggetti aerei, la maggior parte di essa le cui identificazioni con quelle notoriamente concernenti tali fenomeni sono almeno probabili. Incastonati nella massa di rapporti relativamente antichi spiegabili, comunque, è un piccolo insieme di rapporti inspiegabili (o almeno non completamente spiegati) presumibilmente provengono da testimoni credibili “.

Immagini dimostrative
Immagini dimostrative

Cesare Valocchia

Cesare Valocchia è nato a Roma nel 1970. Perito tecnico in telecomunicazioni con alle spalle corsi specialistici in fibre ottiche e trasmissione dati, coltiva due passioni: il volontariato e l’ufologia. Istruttore di manovre di rianimazione cardio-polmonare adulto e bambino, ha raccolto le sue esperienze di volontario sui mezzi del servizio di emergenza sanitaria nazionale 118 di Roma in un ebook dal titolo: “ Non dirmi grazie ”. Il suo motto è: Aiutare chi soffre è il miglior pagamento. Dai primi anni 90 si occupa di avvistamenti e dal 2011 cura personalmente il sito di ufologia www.myuforesearch.it del quale è responsabile. Le sue ricerche sul legame apparizioni mariane e fenomeno ufo sono disponibili nel suo sito. E’ membro del Cun ( Centro Ufologico Nazionale), sulla cui rivista ufficiale è stato pubblicato, nel maggio 2017, il suo studio sugli oggetti volanti non identificati a Medjugorje.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *